Facebook
Google
Youtube
Feed
Italian English French German Spanish

Il Pallio della Carriera

L’odierna rievocazione storica in costume, per le chiare esigenze spettacolari, è ambientata nel periodo di maggiore splendore degli Aldobrandini, in particolare sotto il ducato di Donna Olimpia Aldobrandini recuperando nel contempo i tempi propiziatori della religiosità nei 7 rioni ... Leggi tutto

Calendario Eventi

 ◄◄ 
 ◄ 
 ►► 
 ► 
Maggio 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Eventi del Pallio Feste Propiziatorie

Hostarie: dal 21 agosto al 1 settembre 2019 - 27 agosto chiuso (info)
Sei qui: HomeDonna Olimpia e Principe

Abiti Donna Olimpia e Principe

Ogni anno ciascun rione storico, a sorte, confeziona pregiatissimi costumi che vengono indossati dai due figuranti una sola volta, il giorno della sfilata. Tutti gli esemplari finora confezionati evidenziano la sensibilità artistica della costumista e l'alta professionalità delle sarte.
Le foto sono dell'Archivio Campagna

Pallio della Carriera 2019

Donna Olimpia e principe 2019Donna Olimpia:Maria Beatrice Cacciotti
Principe:Valerio D'Arcangeli
Sartoria:Rione Jo Laco
Disegno:Tiziana Mastromatteo, Costumista EPC

Donna Olimpia Aldobrandini
L’abito è costituito da un corsetto reso rigido da diverse stecche ed è dotato da una manica sottostante plissettata.
Inoltre decora ed impreziosisce ulteriormente il vestito un doppio collo: il primo è alto e steccato, il secondo è di pizzo a forma di gorgiera.
Una ricca gonna con strascico completa l’abito. Il costume è stato contornato da circa trenta metri di pizzo macramè, ricamato con fili lamè in oro a punto catenella, applicato a mano.
Numerose pietre preziose sono state incastonate nel vestito, rendendolo in questo modo ancora più pregiato; i tessuti usati sono il raso di seta nero ed avorio. L’intera manifattura ha comportato 700 ore lavorative e 500 ore di ricamo. Inoltre ha coinvolto, in un lavoro certosino, cinque sarte ed una ricamatrice. 
All’epoca le grandi monarchie europee influenzavano lo stile dell’abbigliamento, per questo motivo, forti sono le influenze della moda di corte spagnola che si possono ritrovare nel costume.

Pallio della Carriera 2018

Donna Olimpia e Principe 2018Donna Olimpia: Giulia Gonnella
Principe: Damiano Ricci
Sartoria: Rione San Pietro
Disegno: Tiziana Mastromatteo, Costumista EPC

Donna Olimpia Aldobrandini
L’abito, realizzato dalla sartoria del rione di San Pietro, è caratterizzato da un aderente corpino con una profonda scollatura che fa aprire un magnifico collo di pizzo, questo accorgimento stilistico crea movimento intorno al decolté. Il tutto è completato da una ricca gonna con un sontuoso strascico. Impreziosisce notevolmente il costume un raffinato ed ampio mantello di organza ricamata con un cappuccio a punta che spesso abbiamo ammirato negli antichi ritratti di Donna Olimpia Aldobrandini. Fonte d’ispirazione, per la confezione dell’abito, è stato, anche, un famoso ritratto di Luisa di Lorena -Vaudémont, moglie di Enrico III di Francia. L’abbinamento dei colori, i ricami e i diversi preziosismi dell’abito sono stati un punto di partenza per poi, con la peculiare personalizzazione costumistica, realizzare un prodotto completamente nuovo, diverso dal modello originale a cui ci si è ispirati, e certamente più appropriato per la nostra rievocazione storica seicentesca.

Pallio della Carriera 2017

Archivio storico CampagnaDonna Olimpia: Maria Massicci
Principe: Lorenzo Carosi
Sartoria: Rione San Gnaco
Disegno: Tiziana Mastromatteo, Costumista EPC

Donna Olimpia Aldobrandini
Il costume è caratterizzato da un aderente corpino con una profonda scollatura che fa aprire un magnifico collo di pizzo, lavorato a segmenti di diversa altezza, che crea movimento intorno al volto. Le maniche imbottite, come era in uso all'epoca, sono trapuntate con fili d'argento e impreziosite da perle.
L'abito è completato da una ricca gonna con un sontuoso strascico. Impreziosisce notevolmente il costume un raffinato ed ampio mantello. All'epoca le grandi monarchie Europee tratteggiavano ed influenzavano la moda, per questo motivo forti sono le tendenze della moda inglese del periodo Elisabettiano.
L'elemento più importante e prezioso dell'abito è lo splendido ricamo eseguito a punto stuoia, per realizzarlo ci sono voluti oltre 1000 metri di filo e 3000 perle che lo decorano. Sono stati utilizzati 24 metri di broccato e 6 metri di raso in seta. L'esecuzione di questo sontuoso costume ha richiesto un impegno notevole, ci sono volute 600 ore di lavoro e 500 ore di ricamo.

Pallio della Carriera 2016

2016 20171031 1211905866Donna Olimpia: Noemi Massicci
Principe: Matteo Malandrin
Sartoria: Rione Sant'Agostino
Disegno: Tiziana Mastromatteo, Costumista EPC

Donna Olimpia Aldobrandini
Il costume è caratterizzato da un aderente corpino accollato che termina con una gorgiera in pizzo macramè. L'abito è completato da una doppia manica e una ricca gonna con sontuoso strascico. L'elemento più importante e prezioso del costume è il raffinato ricamo a mano, eseguito con fili dorati, incastonato da migliaia di punti luce di cristallo. Nella confezione del costume sono stati curati molto gli accessori: 
un originalissimo cappello a falda rigida e preziosi gioielli completano l'abito. Nella scelta dei materiali tessili e dei relativi disegni l'abito, ancorato al periodo seicentesco, ha un'influenza nella moda della corte spagnola.

Pagina 1 di 7